Online il Bando della Residenza artistica UnArchive Suoni e Visioni e del Premio Cesare Zavattini

 

Online il Bando della Residenza artistica UnArchive Suoni e Visioni e del Premio Cesare Zavattini

Scadenza: 28 luglio

 

Da oggi online i due bandi dedicati al riuso creativo del cinema d'archivio che l'Archivio Audiovisivo del Movimento Operaio e Democratico - AAMOD  rivolge ai giovani talenti che non abbiano compiuto nel 2022 il 36esimo anno di età.
Ad unirli, il termine "UnArchive": disarchiviare e ricontestualizzare i materiali filmici conservati negli archivi, con l’obiettivo di riutilizzarli in nuove produzioni che sappiano attraversare linguaggi e temi della società contemporanea. 

Residenza artistica UnArchive Suoni e Visioni

Seconda edizione della residenza per giovani artisti dedicata all’incontro tra riuso del cinema d’archivio e sperimentazione musicale. Saranno selezionati tre filmmaker e tre compositori che lavoreranno in coppia  allo sviluppo e alla realizzazione di un’opera audiovisiva di cortometraggio. La residenza si articola attraverso due principali attività: una di formazione “frontale”, con masterclass e docenze di artisti e professionisti affermati, l’altra a carattere “esperienziale” e laboratoriale.

Il bando e il regolamento della residenza artistica UnArchive Suoni e visioni sono consultabili alla sezione Bando del sito.

Anche in questo caso le candidature vanno inviate entro il 28 luglio 2022. L’indirizzo di posta elettronica dove far pervenire la documentazione è info@unarchive.it

 

Premio Cesare Zavattini

Una Giuria composta da cinque importanti personalità del cinema italiano selezionerà nove tra i progetti inviati, i cui autori e autrici saranno ammessi a un workshop di formazione e sviluppo condotto da professionisti in campo cinematografico. Durante il workshop, anche con l’aiuto di un tutoring individuale, i/le finalisti/e potranno approfondire il proprio progetto fino alla realizzazione di un dossier e di teaser, da presentare alla Giuria, che sceglierà infine i tre progetti vincitori. Questi, oltre a poter utilizzare liberamente il materiale filmico dell’Aamod e degli archivi partner, riceveranno servizi gratuiti di supporto per la loro realizzazione e la somma di 2.000 euro per ciascun cortometraggio, una volta terminato.

Il bando e il regolamento del Premio Cesare Zavattini possono essere consultati sul sito ufficiale premiozavattini.it Per partecipare, è richiesto l’invio del progetto di un cortometraggio di massimo 15 minuti, che preveda il riuso, anche parziale, di materiale filmico d’archivio.

I filmmaker interessati a partecipare possono inviare i loro progetti entro il 28 luglio 2022.

Maggiori informazioni all’indirizzo mail segreteria@premiozavattini.it

 

I titoli, gli autori e le autrici dei progetti finalisti di entrambi i bandi saranno comunicati in un’apposita iniziativa organizzata nell’ambito della Mostra Internazionale del Cinema di Venezia nel mese di settembre 2022.

La partecipazione a entrambi i concorsi è gratuita.

 


suonievisioni_banner_orizzontale

Dal 7 giugno il bando per partecipare alla seconda edizione di UnArchive. Suoni e visioni

suonievisioni_banner_orizzontale

La residenza per giovani artisti dedicata al riuso del cinema d’archivio e alla sperimentazione musicale

Sarà online dal 7 giugno il bando per iscriversi alla seconda edizione di “UnArchive. Suoni e visioni”, uno dei progetti concepiti dalla Fondazione AAMOD per sostenere percorsi di formazione e produzione nell’ambito del riuso creativo del materiale d’archivio.
Una residenza artistica rivolta a giovani filmaker e compositori, il cui obiettivo  – da cui il termine “UnArchive,” fil rouge di molte attività dell’AAMOD - è quello di restituire, con la rielaborazione di documenti audiovisivi pre-esistenti, una materia cinematografica viva e intrisa di significati nuovi e altri rispetto a quelli originari, dove la composizione musicale svolge la funzione determinante di tale “ri-significazione”, attraverso le sensibilità e sviluppi più recenti della musica elettronica.

Le opere prodotte nel corso della prima edizione (BATTLEFIELD di Silvia Biagioni e Andrea Laudante; IO HO FISSATO IL FUOCO PER SEMPRE di Salvatore Insana e Silvia Cignoli; DAL GIORNO FINCHE’ SERA di Alessandro Gattuso e Luca Maria Baldini)  hanno già circuitato in numerosi festival di cinema e video-arte in Italia e all’estero.

La residenza si rivolge a giovani artisti residenti in Italia che non compiano nel 2022 il 36° anno di età. I sei prescelti lavoreranno in coppia su progetti personali utilizzando materiali messi a disposizione gratuitamente dall’AAMOD e degli archivi partner,  prendendo parte a un percorso formativo e laboratoriale condotto da tutor specializzati, e realizzando opere audiovisive della durata massima di 20 minuti.

Modalità di partecipazione e selezione, tempistiche e formule di ospitalità saranno illustrate nel regolamento del bando sul sito ufficiale https://unarchive.it/unarchive-suoni-e-visioni/

 

La residenza per giovani artisti “UnArchive. Suoni e visioni” è ideata e prodotta dalla Fondazione Archivio Audiovisivo del Movimento Operaio e Democratico, con il sostegno del Mic.