About

 

Unarchive Found Footage Fest è un festival internazionale dedicato al riuso creativo del materiale d’archivio, frutto di una profonda riflessione sulla funzione degli archivi audiovisivi e cinematografici nel mondo contemporaneo, nello sviluppo dell’arte, della cultura e più in generale della società civile. Si svolge in primavera a Roma.

In un momento storico in cui il riuso delle immagini nutre orizzonti cinematografici di grande sperimentalità, creare nuove opere partendo da frammenti d’archivio catalizza la ricerca espressiva di cineasti e videoartisti, animatori e performer, archivisti e curatori d’arte, in una contaminazione di linguaggi e pratiche capaci di dar vita a sorprendenti forme filmiche.

Una rivoluzione estetico-tecnologica in cui il found footage assume sempre più le caratteristiche di un’esperienza pervasiva e multiforme, in grado di sollevare nuovi interrogativi sul significato delle immagini e sulla vita.

UnArchive Found Footage Fest vuole indagare e raccontare al pubblico tali orizzonti espressivi, mostrando uno scenario audiovisivo composito, spesso altamente performativo, nel quale le nozioni di creazione e fruizione audiovisiva sono riformulate in percorsi di dialogo interdisciplinare e interculturale sempre più vivi, aperti e rigeneranti.

Il concorso è rivolto a opere audiovisive, di qualunque genere, formato, durata e nazionalità, che presentino forme libere e innovative di riuso creativo di materiali d’archivio.

UnArchive Found Footage Fest è ideato e prodotto dalla Fondazione Archivio Audiovisivo del Movimento Operaio e Democratico, in collaborazione con Luce Cinecittà, con il sostegno del MiC – Direzione Generale Cinema e Audiovisivo e di altre istituzioni pubbliche e private.

La direzione artistica è affidata a Alina Marazzi e Marco Bertozzi.


About

 

Unarchive Found Footage Fest is an international festival dedicated to the creative reuse of archival material, born from a deep reflection on the function of audio-visual and film archives in the contemporary world, in the development of art, culture and more generally of civil society. It will take place in Rome in spring.

In a historical moment in which the reuse of images gives rise to higly experimental cinematographic horizons, creating new projects from archive fragments encourages the expressive research of film-makers and video artists, animators and performers, archivists and art curators, in a cross contamination of languages and practices that results in surprising film forms.

An aesthetic and technological revolution in which found footage increasingly takes on the traits of a pervasive and manifold experience, which raises new questions about the meaning of images and of life.

UnArchive Found Footage Fest wants to investigate and accompany the public through these expressive horizons, revealing a composite audio-visual scenario, often highly performative, in which the notions of audio-visual creation and fruition are reformulated through interdisciplinary and intercultural dialogues that are increasingly alive, open and regenerating.

The competition is open to audiovisual projects of any genre, format, duration and nationality that display free and innovative forms of creative reuse of archival materials.

UnArchive Found Footage Fest is promoted and organized by the Audiovisual Archive of the Democratic and Labour Movement, in collaboration with Luce Cinecittà, and the support of the MiC – Direzione Generale Cinema e Audiovisivo and of other public and private institutions.

The artistic direction is entrusted to Alina Marazzi and Marco Bertozzi.